Lorilandia
Home - Specie - Passeriformi - Diamanti Mandarini

DIAMANTI MANDARINI

Diamanti mandariniNOME SCIENTIFICO: Taeniopygia guttata

I Diamanti mandarini sono curiosi uccelli che provengono dall'Australia.

Misurano tra i 10 e i 12 cm, anche se c'è una classe di dimensione più grande che è quella che si mostra nei concorsi.

Si caratterizzano per essere molto pacifici con altri uccelli e per essere buoni e prolifici allevatori.

Suscitano molta simpatia e sono molto comuni come animali domestici.

DIFFERENZA DI SESSI

Nei diamanti mandarini ancestrali è molto facile distinguere i sessi, perché il maschio ha le guance arancioni, mentre le femmine non le hanno colorate.
Nelle mutazioni è più difficile perché, per esempio, ci sono mandarini completamente bianchi nei quali non è possibile vedere il colore della guancia.

ALLEVAMENTO

I Diamanti mandarini si riproducono molto facilmente, soprattutto se si conservano in gruppo in una grande voliera. In questo modo essi stessi si accoppieranno e poi cercheranno il nido.

Ci sono diversi tipi di nidi che si possono mettere a questi uccelli: le scatole nido, quelli sferici di vimini o corda o quelli di canarino. Normalmente preferisco quelli chiusi, ma possono arrivare a nidificare ovunque.

Una volta che la coppia ha scelto il nido, si dedicherà a prepararlo. È necessario fornire materiale di riempimento, come pelo di capra in abbondanza. Se non dispongono di questo materiale e non trovare nulla, sicuramente terminano per strapparsi le piume, o a strapparle ad altri uccelli più deboli.

Polli - diamanti mandariniQuando hanno finito di fare il loro nido, la femmina deporrà tra 3 e 7 uova nei giorni successivi, anche se l'incubazione non inizierà fino al terzo. Poi maschio e femmina si alterneranno nella cura delle uova. A 13 giorni circa nasceranno i piccoli.
A 3 settimane dalla nascita, i piccoli s'impiumeranno, anche se i genitori continueranno ad alimentarli per almeno una o due settimane. Durante questo periodo di tempo è frequente vedere piccoli giovani inseguire tutti gli adulti nella voliera chiedendo cibo.
I genitori possono già essere occupati con un'altra nidiata.

I mandarini sono molto resistenti e portano avanti nidiate in pieno inverno, ma dobbiamo fare in modo che i piccoli siano al sicuro dalla pioggia, perché se si bagnano non possono essere in grado di riscaldarsi e muoiono.
I piccoli si distinguono dagli adulti per il loro piumaggio e per il loro becco. Sono generalmente grigi con il becco nero, ad eccezione degli albini, che hanno piume bianche dall'inizio.
Ai 2 o 3 mesi cambiano il definitivo piumaggio.

I mandarini possono iniziare a riprodursi molto presto, anche se non dobbiamo lasciare che lo facciano almeno fino ai 9 mesi.

ALIMENTAZIONE

Ci sono miscugli di semi per esotici che sono molto adeguati. Si possono dare loro anche rametti di miglio, che li piacciono molto. Bisogna dare loro anche verdure, semi germogliati, pasta d'uovo e ghiaia. Quest'ultima è essenziale per una corretta digestione di questi uccelli.
Ad alcuni piace anche la pasta d'insetti, o gli insetti vivi del tipo di piccoli vermi, anche se di tanto in tanto.

 

Tradotto in italiano da Mauro Bertini
Lorilandia
© 2004-2016
Aviso legal - Contatto -